Stampa

I Giovani delle Cellule

Giovani delle celluleI Giovani non trovano la Verità? Possibile solo se alzano gli occhi al cielo!

La comunità “Eccomi, manda me!” ha ricevuto da Dio il dono di tanti giovani che hanno scelto di vivere, già da questo periodo importante dell’esistenza, con l’unica risposta ad ogni perché: Gesù.
E’ così che, l’esperienza della comunità “Eccomi, manda me!” ha intrapreso con i giovani ormai da anni, rivela che i giovani che siamo abituati spesso a vedere tristi perché non appagati da questo mondo così “pieno di niente” prendono vita, acquistano gioia e assaporano la vita perché è bello viverla con Gesù, l’unica Persona che forse per la prima volta nella vita di un giovane, fa sperimentare ai giovani la Salvezza e la pace di cui oggi, più che mai, i giovani hanno bisogno perché assetati di un acqua che il mondo non possiede.

Noi giovani della comunità “Eccomi, manda me!” proveniamo da varie esperienze di tutti i tipi e, proprio perché abbiamo sperimentato il “Vuoto” che il mondo propone, adesso sentiamo Forte il bisogno di comunicare ai nostri amici coetanei l’esperienza di gioia e di Salvezza che stiamo cercando tutti. Sentiamo il bisogno di gridare al mondo intero che Gesù è il Signore e che solo Lui ti può trarre in salvo dalla tristezza che c’è nel tuo cuore, dall’angoscia che ti tira sempre più giù senza sapere come uscirne fuori, dalla voglia di “divertimento sfrenato“ che troviamo nella droga, nell’alcool, nel sesso; tornando subito dopo alla solita sensazione di “niente”.

A proposito di divertimento: noi giovani vogliamo rispondere alla chiamata di Gesù che dice che noi siamo il “Sale della terra” e come tali siamo chiamati ad essere ovunque per portare sapore nei luoghi comuni dove la vita ci porta.
Anche noi abbiamo bisogno di divertirci in quanto giovani e quindi conduciamo una vita uguale agli altri ma abbiamo scelto di passare dei momenti importanti per noi giovani, come il sabato sera, la domenica, testimoniando che la nostra vita è stata stravolta in una vita dove regna la gioia la pace e la forza nei momenti difficili; ma tutto questo non grazie a noi stessi, ma a Gesù che si prende cura di noi.
Queste serate dedicate alla testimonianza le abbiamo pensate per fare delle esperienze impensabili; un’esperienza che abbiamo ripetuto più volte nella nostra Ragusa ma anche in molte parti della Sicilia, è la Luce nella notte… Ma cos’è la Luce nella notte? Lo dice la parola stessa: portiamo luce dove luce di norma non c’è ne mai. Consiste nel spalancare le porte di una chiesa durante la sera per far uscire fuori nella “notte” la luce di Gesù eucarestia che sarà esposto all’interno per tutta la serata. Fuori le porte invece andiamo a disseminare la bella notizia che quella sera anche altri giovani possono smettere di annegare nella tristezza. In oltre all’esterno abbiamo pensato di portare Gesù ai giovani anche per mezzo dell’arte e della musica che sono le nostre pietre miliari; infatti vengono fatti dei Mimi per portare la nostra testimonianza anche in forma muta, vengono fatti dei murales, concerti e per grandi e piccini abbiamo pensato di diventare clown!
Questa è una delle tante attività che abbiamo voluto intraprendere, infatti tutto il “motore” è mosso dalla preghiera costante, fatta comunitariamente tutti insieme con incontri periodici riunendoci in fiaccola e alla cellula, e personali traendo beneficio dall’Adorazione continua che a Ragusa ha fatto miracoli anche nella realtà giovane della comunità.
Siamo giovani decisi a non mollare questo grande tesoro che ci è stato reso in dono; abbiamo sempre vivo il pensiero di Papa Giovanni Paolo II che diceva “spendete bene la vita, è un tesoro unico!”